venerdì, Gennaio 21, 2022
7.7 C
Roma
spot_img
spot_img
HomeEVENTI E INIZIATIVESalgado, mostra e appello a favore degli indigeni dell'Amazzonia

Salgado, mostra e appello a favore degli indigeni dell’Amazzonia

Exodus. In cammino sulle strade delle migrazioni è la mostra personale del fotografo brasiliano Sebastião Salgado

Sebastião Salgado: Exodus. In cammino sulle strade delle migrazioni. La bellissima mostra del fotografo brasiliano organizzata dalla Fondazione Pistoia Musei

Exodus. In cammino sulle strade delle migrazioni è la mostra personale del fotografo brasiliano Sebastião Salgado. Composta da un corpus di 180 fotografie, l’esposizione del 2020 racconta la storia del nostro tempo attraverso momenti drammatici ed eroici vissuti da singoli individui. Pone anche una domanda che resta ancora senza risposta: nel nostro cammino verso il futuro non stiamo forse lasciando indietro gran parte del genere umano?

Per anni il fotografo brasiliano ha documentato le migrazioni di massa restituendo con i suoi scatti la condizione esistenziale di milioni di uomini che sono stati capaci di spezzare i legami con le proprie radici, cercando loro stessi in un viaggio verso altri luoghi.

È ormai passata quasi una generazione da quando queste fotografie sono state esposte per la prima volta, eppure per molti aspetti il mondo che ritraggono non è cambiato. I profughi di oggi sono solo le vittime più visibili di un processo globale che dimostra quanto tutto ciò che accade sulla terra sia collegato, dal crescente divario tra ricchi e poveri alla crescita demografica, dalla meccanizzazione dell’agricoltura alla distruzione dell’ambiente, dai cambiamenti climatici al fanatismo sfruttato a fini politici.

Exodus. In cammino sulle strade delle migrazioni racconta la condizione di profugo, l’istinto di sopravvivenza, i momenti di esodo, i disordini urbani e le tragedie di continenti ormai alla deriva, racconta la paura e la povertà così come la volontà, la dignità e il coraggio.

Salgado e il suo appello a favore degli indigeni in Amazzonia

Salgado ha lavorato negli ultimi dieci anni proprio tra le tribù amazzoniche potendone apprezzare le abitudini, la vita, vivendo con loro a contatto con la natura e con gli animali. Queste comunità hanno già sofferto a causa delle foreste in fiamme e dei fiumi avvelenati.

La loro situazione è doppiamente critica perché i territori riservati per legge all’uso esclusivo delle tribù indigene viene ora invaso dai minatori, dai taglialegna e dagli allevatori di bestiame.

Cinque secoli fa, questi gruppi etnici furono decimati da malattie portate dai colonizzatori europei. Da allora, le successive crisi epidemiologiche hanno ucciso la maggior parte delle loro popolazioni. Ora, con questo nuovo flagello che si sta diffondendo rapidamente in tutto il Brasile, i popoli indigeni, come quelli che vivono isolati nel bacino amazzonico, potrebbero essere spazzati via del tutto.

Credit Photo

Installation view della mostra Sebastião Salgado. Exodus. In cammino sulle strade delle migrazioni, 2019, Fondazione Pistoia Musei, Palazzo Buontalenti e Antico Palazzo dei Vescovi
© Sebastião Salgado / Contrasto. Ph Rachele Salvioli

ALTRI ARTICOLI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Articoli

spot_img