venerdì, Gennaio 21, 2022
7.7 C
Roma
spot_img
spot_img
HomeEVENTI E INIZIATIVENaturArte, alla scoperta dei parchi naturali e delle bellezze della Basilicata

NaturArte, alla scoperta dei parchi naturali e delle bellezze della Basilicata

NaturArte in Basilicata, dal 3 luglio fino a dicembre, oltre 40 appuntamenti tra musica, arte, biking e dialoghi sul futuro

NaturArte, un modo particolarmente interessante per conoscere e apprezzare le bellezze del nostro paese. Non solo in estate ma nei mesi a venire. Parte il 3 luglio, infatti, e durerà fino a dicembre, la 4° edizione di NaturArte.

NaturArte è l’interessante progetto che punta a far scoprire (e apprezzare, come non si potrebbe) a sempre più persone i parchi naturali della Basilicata, il territorio e le comunità. Obiettivo? Unire in un processo virtuoso cultura, storia, benessere, bellezze paesaggistiche, storia, sostenibilità ambientale e turismo consapevole. What else?

NaturArte, in un unico sentiero la Rete dei parchi della Basilicata e tanti ospiti

Sono luoghi spesso incontaminati e di grande suggestione quelli percorsi da NaturArte in un unico lungo sentiero, la “Rete dei Parchi della Basilicata: il Parco della Murgia Materana, il Parco Nazionale del Pollino, il Parco di Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane, il Parco Nazionale Appennino Lucano Val D’Agri Lagonegrese e il Parco del Vulture, per un totale di quasi 200mila ettari coperti.

Oltre al trombettista Paolo Fresu, l’attore Giuseppe Cederna e l’experience designer Maria Cristina Lavazza, tra gli ospiti di quest’anno ci sono anche la giornalista e reporter musicale Valentina Lo Surdo, il regista teatrale Dario De Luca e l’autore di letteratura per bambini Roberto Piumini. Personalità che portano la propria esperienza e allo stesso tempo recepiscono e rielaborano in modo originale le proposte e le influenze delle comunità ospitanti, in sinergia con il territorio, le sue ricchezze ed emergenze.

Incontri, eventi, spettacoli e numerose attività

Il calendario di NaturArte prevede anche una grande varietà di attività tra cui possiamo citare trekking, escursioni e percorsi in bicicletta; non mancano poi grandi eventi e spettacoli, concerti immersi nella natura, laboratori artigianali e workshop artistici, incontri e momenti di approfondimento con ospiti di rilievo internazionale sui temi del progetto sostenibilità, biodiversità e green jobs.

Dalla vulcanologia ai fenomeni sismici, passando per il complesso rapporto tra astronomia e musica, le dinamiche dell’assestamento forestale e le sfide delle energie rinnovabili: NaturArte offre una lunga lista di incontri e laboratori che esplorano il complesso rapporto dell’uomo con l’ambiente che lo circonda.

Inoltre, saranno presenti percorsi guidati in località ancora rurali, borghi dal grande fascino e Comuni quali Brienza, San Severino Lucano, Abriola, Noepoli, Montescaglioso e Pianelle. Luoghi che apriranno le proprie porte e metteranno a disposizione spazi e saperi in occasione di Residenze Artistiche che coinvolgeranno attivamente le comunità locali, in uno scambio fecondo di energie creative.

Oltre 40 le attività in presenza che si svolgeranno a partire dal 3 luglio e fino ad autunno inoltrato, con una piccola coda invernale. Chiuderà, infatti, il cerchio la finalizzazione dei due progetti trasversali ai 5 Parchi: NaturArte Dreaming, la performance musicale a cura del jazzista Nils Berg, e la Favola dei Parchi della Basilicata, esercizio di scrittura collettiva in collaborazione con lo scrittore Roberto Piumini.

Un programma per un territorio e uno sviluppo sostenibili

Un programma incentrato sulla costruzione di un paesaggio umano volto a indicare nuove strade di sviluppo sostenibile, con la collaborazione, l’ospitalità e l’intervento di famiglie, ristoratori, albergatori, amministratori e imprenditori del territorio. A unire tutti gli attori coinvolti nel progetto di NaturArte un unico obiettivo: valorizzare e illuminare i valori naturalistici, storici e culturali della Basilicata.

Quella portata avanti da NaturArte è una visione del territorio che abbraccia insieme le connotazioni sociali e naturali del termine, sia attraverso la condivisione delle esperienze e delle memorie delle comunità locali, pienamente coinvolte nelle attività e negli eventi proposti, sia attraverso l’esplorazione degli angoli più reconditi delle meraviglie naturali lucane.

Un legame studiato dalla scienza e rappresentato con i linguaggi dell’arte e della comunicazione: ecco perché il nutrito programma comprende una grande varietà di proposte quali spettacoli teatrali, esercitazioni di canto polifonico e di costruzione di strumenti musicali, workshop sulla fotografia paesaggista e sul marketing al servizio dei piccoli nuclei resilienti e seminari di poesia metropolitana.

A questo LINK il programma completo.
Qui PER PRENOTARE i biglietti gratuiti.

Foto: per gentile concessione Ufficio stampa Guido Gaito

Leggi anche

ALTRI ARTICOLI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Articoli

spot_img