domenica, Maggio 22, 2022
25.9 C
Roma
spot_img
spot_img
HomeNATURAL'Isola dei Conigli, l'incanto a Lampedusa dove nidificano le tartarughe

L’Isola dei Conigli, l’incanto a Lampedusa dove nidificano le tartarughe

L’Isola dei Conigli di Lampedusa, uno tra i posti più amati da Mimmo Modugno e tra i più bei posti al mondo. Soprattutto di questi tempi, è tempo di guardare alle bellezze nostrane e scoprire (o riscoprire) alcune autentiche meraviglie e potersene inebriare appena possibile

La celebre Isola dei Conigli, che si posiziona sistematicamente ai vertici delle classifiche annuali stilate dai viaggiatori su Trip Advisor, è sicuramente tra queste. Per conoscere l’isola da ogni punto di vista, non c’è niente di meglio che salire su una barca attrezzata con tutto il necessario per immergersi nei fondali che circondano la costa. I centri di immersione non mancano.

L’Isola dei Conigli, il perché di questo nome

La piccola isola sorge al centro di una grande baia. Il nome dell’isola e dell’omonimo litorale deriva da un errore di comprensione di una vecchia cartografia che riportava il nome di Rabit Island, interpretato in modo inappropriato dall’inglese.

Ci sono poi altre ipotesi secondo le quali la parola rabit derivi da un fonema arabo traducibile con l’idea di “associazione”, alludendo all’istmo che si forma occasionalmente tra l’isolotto e la costa.

Secondo altri, invece l’origine del nome è dovuta al fatto che, molto tempo fa, una colonia di conigli raggiunse l’isolotto proprio nel momento in cui esso era collegato alla terraferma.

Quando il ponte di sabbia scomparve e le acque del mare riemersero, i conigli rimasero intrappolati, si riprodussero, divenendo così numerosi tanto da far battezzare il luogo “Isola dei Conigli”.

Lampedusa, sabbia bianca e natura indelebile

La parola Lampedusa coincide con natura. La riserva naturale “Isola di Lampedusa” è stata istituita nel 1996 e si estende per circa 320 ettari lungo un tratto incontaminato della costa meridionale. L’Isola dei Conigli è uno di quei posti per cui vale la pena di sperare nell’arrivo dell’estate e nella fine di questo periodo così complesso.

L’ambiente incontaminato di Lampedusa è il luogo preferite dalle tartarughe marine Caretta Caretta che amano deporre le loro uova al caldo delle spiagge bianche e finissime nel periodo che va da giugno a settembre e tra i riflessi di un mare avvolgente.

L’isolotto è anche il regno del gabbiano reale che conta una popolazione di circa 100 coppie, ed è qui che nidifica; inoltre vive esclusivamente sullo scoglio (oltre che nelle zone africane dalle quali proviene) una particolare specie di lucertola, la psammodromus algirus.

Una “grazia” della natura da preservare e proteggere, dove le spiagge sono libere, ma limitate negli accessi per evitare che territorio e natura vengano in qualche modo danneggiate. Le spiagge, infatti, possono essere visitate solo in certi orari e in determinati momenti dell’anno, in particolare dalle 8,30 alle 19,30, per evitare che la “transumanza di moltitudini” poco sensibili possa danneggiare luoghi meravigliosi come questi.

Per saperne di più, vi rimando a questo LINK.

Leggi anche

ALTRI ARTICOLI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

Ultimi Articoli