mercoledì, Giugno 29, 2022
32.2 C
Roma
spot_img
spot_img
HomeNATURALe Isole Canarie ed il caffè, una tradizione con 200 anni di...

Le Isole Canarie ed il caffè, una tradizione con 200 anni di storia

Grazie ad un clima subtropicale dovuto alla scarsità di piogge e a temperature miti tutto l’anno, le Isole Canarie nel corso dei secoli si sono arricchite di nuove coltivazioni come quella del caffè

Nella meravigliosa Valle di Agaete, sull’isola di Gran Canaria, si coltiva una tra le più eccellenti varietà di arabica, la “Typica”. Una coltivazione del caffè con tecniche artigianali, a 150 metri sul livello del mare, che garantisce 5.000 chili ogni anno

Le Isole Canarie sono uno scrigno di biodiversità che nel corso dei secoli si è arricchito di nuove coltivazioni. Vero paradiso degli escursionisti, rapisce con una natura lussureggiante. Di particolare bellezza la Valle de Agaete, una delle più belle di Gran Canaria.

Foto per gentile concessione dell’Ufficio Stampa Isole Canarie, DAG Communication

Questa valle, verde quasi tutto l’anno, è particolarmente fertile e ciò favorisce la coltivazione di alberi di arancio, limone, mango e avocado, mandorle, banane, papaya, insieme a palme, pini e agavi. Ma l’unicità del posto sta soprattutto nell’essere l’unico luogo in Spagna ed uno dei pochissimi in Europa dove si produce il caffè in modo permanente.

Leggi anche Tenerife, il mare delle Isole Canarie diventa Patrimonio per la conservazione di balene e delfini

Una produzione tutto sommato recente, risalendo a circa 200 anni fa. Il caffè e la sua coltivazione arrivano qui all’inizio del XIX secolo. Riconosciuto ufficialmente alla Fiera di Parigi del 1898, il caffè della Valle di Agaete è coltivato con tecniche artigianali da oltre 50 famiglie. Producono 5.000 chili di caffè all’anno in un’area di 45,5 chilometri quadrati di fertile terreno vulcanico situato a 150 metri sul livello del mare, accanto alla Riserva Naturale di Tamadaba, parte della Riserva della Biosfera di Gran Canaria.

Il caffè di Agaete, una delizia da non perdere

Il caffè della Valle di Agaete è uno dei migliori al mondo: si tratta di una varietà di arabica, la “Typica”, di origine etiope. La produzione è favorita dal clima ideale, classificato come subtropicale: la temperatura rimane tra i 18 e i 20 gradi centigradi tutto l’anno, ricreando le condizioni perfette per le coltivazioni tropicali (alberi di banane, boschetti di mango e piantagioni di caffè).

Foto per gentile concessione dell’Ufficio Stampa Isole Canarie, DAG Communication

Le famiglie raccolgono il caffè in primavera, rigorosamente a mano. Le bacche sono fatte essiccare su tavole rialzate per 20 giorni per poi procedere all’estrazione dei chicchi del caffè. Questo processo contribuisce a preservare il sentore dolce tipico della bacca. Il caffè di Agaete è leggero in bocca, molto aromatico e profumato, con certe sfumature acide e un retrogusto amaro molto caratteristico, con note di cioccolato, liquirizia e frutta.

Leggi anche Fondali marini, dalla ricerca italiana nuovi studi per tutelarli

ALTRI ARTICOLI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

Ultimi Articoli

spot_img