mercoledì, Giugno 29, 2022
32.2 C
Roma
spot_img
spot_img
HomeALTROTURISMODa Yescapa 5 consigli per una vacanza in camper a misura di...

Da Yescapa 5 consigli per una vacanza in camper a misura di bambino

Un camper può essere molte cose, se visto da un bambino: un’astronave, un rifugio segreto, una casa viaggiante, un piccolo castello. Grazie alla loro fantasia, i piccoli viaggiatori amano particolarmente partire all’avventura su una casa a quattro ruote

Non è affatto una missione impossibile quella di viaggiare in camper con i nostri bambini. L’importante è prepararsi e saper cosa fare. Yescapa ci aiuta con 5 consigli, semplici ma importanti accorgimenti per rendere l’esperienza davvero indimenticabile

Abbiamo scelto una vacanza in camper ma temiamo che per i bambini il viaggio possa trasformarsi un un’agonia? Partiamo dal presupposto che i piccoli viaggiatori amano particolarmente partire all’avventura su una casa a quattro ruote, spesso però il loro divertimento iniziale si deve confrontare con la stanchezza delle tante ore trascorse a bordo. Chiunque ha viaggiato con i bambini sa bene che la domanda più frequente è “quanto manca?” a cui possono seguire richieste e lamentele interminabili.

Dunque, dando per scontato che nulla vieta la partenza in camper con i nostri piccoli, fondamentale è fissare delle regole. Yescapa, piattaforma europea leader di camper sharing, offre a tutti cinque semplici consigli per godersi davvero il viaggio, non solo la destinazione.

#1 L’importanza di programmare itinerario e destinazione

Quando si parte con il proprio zoo domestico, la prima, indispensabile regola da tenere a mente è: non lasciare nulla al caso. Programmare e studiare tutto nei minimi dettagli, soprattutto quando si tratta di scegliere l’itinerario di viaggio. È importante, ad esempio, pianificare il percorso per scegliere le aree attrezzate per le soste e per il pernottamento, dotate di acqua potabile, punti di scarico delle acque reflue, elettricità e tutti i servizi utili… oltre a spazi protetti per far scorrazzare liberamente i propri puledrini, scalpitanti dopo ore di viaggio.

Un’ottima idea per far sentire i bambini il più possibile parte attiva dell’organizzazione, consiglia Yescapa, è coinvolgerli nella scelta della destinazione e nella creazione dell’itinerario, trasformando quest’attività in un gioco per tutta la famiglia. E per chi fosse in cerca di spunti, tra le mete più gettonate per viaggi in camper family-friendly in Italia, Yescapa segnala l’intramontabile Lago di Garda, per vacanze alternative in spiaggia con immancabili tappe all’insegna del divertimento a Gardaland e al Caneva Aquapark, per la gioia dei bimbi e non solo.

La Toscana, per unire storia, arte e attività all’aria aperta, con diverse proposte imperdibili per i più piccoli (ad esempio il Parco di Pinocchio a Collodi, il Giardino volante a Pistoia, un grande spazio dedicato ai bambini, per giocare nel verde a contatto con l’arte, e lAbbazia di San Galgano, dove si può provare a estrarre la famosa Spada nella roccia).

Infine, la Puglia, sempre un toccasana per lo spirito e per la pancia, tra una gita digestiva al Parco dei Dinosauri di Castellana Grotte e una alla Riserva Naturale Le Cesine, un’Oasi WWF dalla rara bellezza.

#2 A ognuno il suo veicolo, tra van e camper mansardato

Come quando si prenota un alloggio per le vacanze ognuno sceglie l’opzione più comoda per le proprie esigenze, anche per i camperisti vale lo stesso criterio: a ognuno il suo veicolo ideale, a seconda di necessità e desideri.

Secondo le analisi delle prenotazioni di Yescapa, la tipologia più scelta dalle famiglie è il camper mansardato (il 34% nel 2021): se già di per sé il camper è sinonimo di funzionalità e comfort, la versione mansardata con la sua nicchia sopra alla cabina di guida offre uno spazio extra che torna sempre molto utile quando si viaggia con bambini.

Se il re dei veicoli ricreazionali è molto richiesto per la sua comodità, al secondo gradino del podio tra le richieste delle famiglie c’è il van, più pratico grazie alle dimensioni contenute, la scelta ideale per chi cerca un buon equilibrio tra abitabilità a bordo e mobilità. Per andare incontro a ogni tipologia di viaggiatore e di famiglia, le opzioni sono davvero tante, e forse stupirà scoprire che quelli che comunemente chiamiamo “camper” possono essere veicoli molto diversi tra loro: furgonato, semintegrale, motorhome. L’importante è che i piccoli viaggiatori si trovino a loro agio nella casetta mobile.

Foto per gentile concessione dell’Ufficio Stampa Yescapa, DAG Communication

#3 I bagagli, organizzare sì ma semplificando

Per certi versi, la vanlife si potrebbe paragonare a una chiocciola: pur spostandosi continuamente, ci si porta dietro tutto l’essenziale per sentirsi a casa ed è quindi fondamentale organizzare al meglio i bagagli. E se, soprattutto viaggiando con i bambini, la tendenza è di seguire il rassicurante motto del “non si sa mai”, in realtà la regola aurea in questo caso è semplificare.

Ad esempio, sarà davvero necessario portare un cambio al giorno, per ogni viaggiatore? Per non svuotare l’armadio di casa, ricordate che i camper sono dotati di bagno e servizi interni, o in alcuni casi di doccino esterno: all’occorrenza, torneranno molto utili per rinfrescare (letteralmente) il proprio guardaroba di bordo.

Lo stesso principio vale anche in cucina, per chi preferisce cucinare in viaggio invece di organizzare il tour dei ristoranti locali (sempre piacevole, ma più costoso): dato lo spazio ridotto, sono consigliabili oggetti pieghevoli o impilabili, mentre per la spesa si possono fare acquisti a chilometro zero a seconda delle necessità. Seguendo questi utili accorgimenti, per la gioia dei più piccoli, non si dovrà rinunciare a lasciare l’orsetto Teddy a casa.

#4 Trovare modi per passare il tempo, magari senza cellulare

Per quanto emozionanti, a volte le ore di viaggio, con i grandi al volante, possono sembrare anche molto, molto lunghe. Se il rischio che i passeggeri di dietro passino gran parte del tempo al cellulare è alto, bisogna partire preparati, proponendo una serie di intrattenimenti a prova di bimbo. Dal classico evergreen “vedo… vedo” ai karaoke improvvisati, dalle catene mnemoniche alla sfida di barzellette, vale un’unica regola: spazio alla fantasia!

Ma non bisogna dimenticarsi del vero asso nella manica a bordo dei camper: rispetto alle auto, lo spazio è più ampio e confortevole, con un vero e proprio salotto dotato di tavolino con vista sul panorama in continuo cambiamento. Un micro-mondo ideale per sfide a giochi da tavola, per leggere e disegnare, sempre con un occhio alle meraviglie del macro-mondo esterno.

#5 Utile una prova generale a corto raggio

Un ultimo consiglio, ma non meno importante: per chi volesse organizzare una vacanza vera e propria in camper, ma non si è ancora approcciato a questo mondo (o, almeno, con i pargoli al seguito), può valer la pena fare una prova generale. Perché, prima di partire per il tour estivo dello Stivale on the road, non programmare un weekend lungo non lontani da casa? Sarà un ottimo modo per far scoprire gradualmente ai bambini questa coinvolgente modalità di viaggio all’insegna dell’avventura e della flessibilità.

ALTRI ARTICOLI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

Ultimi Articoli

spot_img