mercoledì, Giugno 29, 2022
32.2 C
Roma
spot_img
spot_img
HomeITINERARI E VIAGGICastelluzzo, borgo siciliano delle arrampicate e delle falesie

Castelluzzo, borgo siciliano delle arrampicate e delle falesie

Castelluzzo, un piccolo borgo in Sicilia Occidentale in provincia di Trapani vicino alla Riserva dello Zingaro. Tra paesaggi a picco sul mare e numerosi tracciati per gli appassionati delle arrampicate, uno straordinario luogo di colori e di profumi

Castelluzzo: il borgo sorge all’estremità occidentale della Sicilia, tra due aree di grandissimo interesse naturalistico, l’aspra e selvaggia Riserva dello Zingaro e l’antica Riserva Naturale Orientata del Monte Còfano.

Il nome deriva dalla presenza di un piccolo castello che svetta dall’alto, dominando il paesaggio. Una zona questa assai antica. Basti pensare si pensa alle iscrizioni risalenti al mesolitico e al paleolitico, ritrovate nelle grotte circostanti come la Grotta dell’Uzzo.

Castelluzzo si stende attorno al suo unico viale principale “Viale Cristoforo Colombo” sul quale si affacciano case e ville nello stile tipico mediterraneo e intervallate da palme rigogliose e prati in fiore, al centro del quale sorge la chiesa di Maria SS. Immacolata.

Castelluzzo, falesie e “scalate”

Castelluzzo ha una costa caratterizzata dalla presenza di falesie che si ergono imponenti sul mare, sulle spiagge e sull’entroterra. Sono rocce rossicce plasmate nei secoli dalla natura che hanno assuto forme bizzarre e aguzze, spesso a precipizio sulle acque, e che sono diventate una meta vertiginosa per gli appassionati di climbing, soprattutto dagli anni Ottanta, con le prime “scalate” da parte della compagnia di Gogna.

Castelluzzo oggi fa parte di uno dei comprensori per le arrampicate sportive più estesi del sud del nostro paese, contando circa quattrocento tracciati chiodati, che si inerpicano su pareti attrezzate con ancoraggi che garantiscono la sicurezza di tutti gli avventori, principianti e non, che accorrono qui dall’Italia, ma anche dall’estero.

La bellezza di questo piccolissimo paese è legata dunque sopratutto al paesaggio che lo circonda: è infatti circondato da un vero mare di uliveti, antica fonte di reddito del borgo sin dall’antichità e, ancora oggi, “sorgente” di un olio assai aromatico, gioiello della cucina locale e protagonista delle più varie sagre e festival della zona.

Tra questi ulivi secolari si aprono molti sentieri da percorrere in totale relax a piedi, in bicicletta o, per un’esperienza più bucolica, a cavallo, per godersi pienamente l’autentica atmosfera campestre mediterranea.

Un mare unico al mondo

Poi c’è il mare, protagonista di tramonti aranciati spettacolari e dalle acque blu. Castelluzzo viene quasi avvolto dai fondali ricchi di alga rossa cystoseira e anemoni, persino coralli rossi, da un mare che lambisce una costa ricca di spiagge dorate come “Baia Santa Margherita”, o formate da ciottoli o frammenti di coralli come “Caletta del Bue Marino”, guardate a vista dalle antiche torri di avvistamento costruite in un lontano passato per avvistare i pirati.

Una costa sovrastata dalle scogliere altissime che, con il climbing, hanno reso varia l’offerta turistica di Castelluzzo in Sicilia. Una bella idea per il prossimo viaggio e per deliziarsi con i profumi e i colori di una zona unica al mondo.

LINK UTILI
Casa Vacanza Loria

Leggi anche

ALTRI ARTICOLI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

Ultimi Articoli

spot_img