domenica, Maggio 22, 2022
25.9 C
Roma
spot_img
spot_img
HomeITINERARI E VIAGGICammini storici in Emilia, itinerari, castelli e misteri

Cammini storici in Emilia, itinerari, castelli e misteri

Dalla Via Francigena all’antica Via degli Abati, dalla Via Matildica del Volto Santo alla Via di Linari, con Visit Emilia, la terra dello slow mix, si cammina tra storia, natura, cultura ed enogastronomia

È l’Emilia da vivere a piedi, con lentezza, quella più autentica che si svela davanti ai passi di viaggiatori ed escursionisti disposti a lasciarsi alle spalle la frenesia cittadina, per immergersi in un intreccio di storia e natura, cultura ed enogastronomia, custodito nei grandi cammini storici percorsi mille e mille volte dai pellegrini nel corso dei secoli.

La celebre Via Francigena che attraversa il cuore degli Appennini di Parma e Piacenza, l’antica Via degli Abati, itinerario alto-medievale, la Via di Linari che tocca luoghi dalla grande importanza naturalistica, come la Riserva della Biosfera Unesco dell’Appennino Tosco Emiliano, e la Via Matildica del Volto Santo per rivivere l’atmosfera del feudo di Matilde di Canossa, sono le “strade” principali che rendono unica l’esperienza di cammino nel territorio di Visit Emilia, la terra dello slow mix.

La Via Francigena

Tra i percorsi più amati dai viaggiatori a piedi di ogni età c’è la Via Francigena, che sugli oltre mille chilometri che – tra il Passo del Gran San Bernardo e Roma – ne costituiscono il tratto italiano, attraversa il cuore degli Appennini delle province di Piacenza e Parma.

Dichiarato Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa nel 1994, il cammino entra in territorio piacentino con il Guado di Sigerico e, dopo un breve tragitto sull’argine del Po e vari rettilinei su strade provinciali, arriva alle porte della città di Piacenza, dove il percorso tocca Piazzale delle Crociate e la splendida Piazza Cavalli per poi sboccare sulla Via Emilia.

Risalendo il torrente Nure e tagliando boschi e campagne si raggiunge il Castello di Paderna e poi l’Abbazia Cistercense di Chiaravalle della Colomba, per arrivare al Duomo di Fidenza (PR), simbolo dello sconfinamento nel parmense e tappa obbligatoria per i pellegrini che si dirigevano a Roma, ed oggi per i camminatori che vogliono intraprendere il viaggio, magari dopo aver fatto incetta di anolini arricchiti da una consistente spolverata di Parmigiano Reggiano.

In questa zona sono tanti i caseifici da visitare e le prelibatezze casearie da degustare. Il Duomo di Fidenza, o Cattedrale dedicata a San Donnino, è un’occasione per ristorarsi, prima di rimettersi in marcia verso Cabriolo e la sua pieve, i resti della rocca di Noceto, Felegara e Fornovo, dove la statua del pellegrino sulla facciata della Chiesa di Santa Maria indica la direzione. Sempre sotto la sigla di Parma, si giunge a Bardone e a Cassio, caratterizzata da una via lastricata in pietra, per poi insinuarsi a Berceto – da non perdere i piatti con il Fungo porcino di Berceto – e lasciare l’Emilia.

La Via degli Abati


La Via degli Abati, detta anche Francigena di montagna, è un antico itinerario alto-medievale seguito dai monaci del monastero di San Colombano di Bobbio (PC) per arrivare a Roma, attraversando parte del territorio provinciale di Pavia e l’Appennino Tosco-Emiliano nelle province di Piacenza, Parma e Massa Carrara.

I 190 km complessivi dell’impegnativo tracciato si dividono tra mulattiere, carrarecce e sentieri che solo in piccoli tratti lasciano il posto a strade asfaltate. Percorrendo questa storica via è d’obbligo partire con una tappa esplorativa a Bobbio, tra i Borghi più Belli d’Italia, che accoglie i pellegrini con il suo suggestivo Ponte del Diavolo, e con l’Abbazia di San Colombano, uno dei più importanti centri monastici d’Europa.

La Via Matildica del Volto santo

La rete di sentieri lungo antiche direttrici medievali che costituisce il cuore della Via Matildica del Volto Santo è un’occasione per mettere in moto non solo i piedi ma anche l’immaginazione e rivivere l’atmosfera del feudo di Matilde di Canossa, giungendo alla base dei castelli della Gran Contessa, attraversando borghi e calpestando la stessa venerabile terra percorsa dai pellegrini nei loro itinerari religiosi.

Manieri che svettano sull’Appennino reggiano e che custodiscono affascinanti storie passate e maestose architetture, come il Castello di Carpineti e il Castello di Bianello, casa di sua madre Beatrice di Lorena, principessa di stirpe reale, e luogo in cui Matilde fu incoronata vice regina d’Italia dall’imperatore Enrico V.

E poi i ruderi del Castello di Canossa, e ancora il Castello di Rossena, il Castello di Sarzano. Da Mantova a Lucca, ovvero dal sangue di Cristo della Chiesa di Sant’Andrea fino al Volto Santo, passando per Reggio Emilia, il cammino è una lenta passeggiata nella vicenda storica di quella che è stata forse l’autentica protagonista femminile del Medioevo ma anche una possibilità per decidere di deviare verso la Riserva MaB UNESCO dell’Appennino Tosco Emiliano o immergersi tra i profumi delle antiche acetaie, luoghi di culto per scoprire la lavorazione dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP, protagonista della tavola con il Parmigiano Reggiano.

La segnaletica orizzontale e verticale disposta lungo il percorso dispensa precise e utili informazioni sulle tappe e sulle mete, in uno scenario mutevole che passa dalla rupe di Canossa all’Ospitale di San Pellegrino in Alpe, con il suo affaccio sulla Garfagnana.

La Via di Linari


È nata come antica deviazione della Via Francigena, la Via di Linari, che prende il nome dell’omonima Abbazia posta sul crinale di confine tra l’Emilia e la Toscana. Era un percorso di passaggio commerciale e di pellegrinaggio alternativo per raggiungere Roma e Lucca, ed oggi è un cammino ricco di natura, arte ed enogastronomia di pregio.

Si parte da Fidenza per raggiungere la Toscana attraverso il Passo del Lagastrello, passando per Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020+2021, Torrechiara, Tizzano Val Parma, Ranzano, Palanzano, Rigoso, fino a San Bartolomeo vicino Reggio Emilia.

Un cammino di difficoltà moderata che attraversa luoghi dalla grande importanza naturalistica, come la Riserva della Biosfera Unesco dell’Appennino Tosco Emiliano, e di produzione agroalimentare di eccellenza e di grande tradizione, come Langhirano, la terra del Prosciutto di Parma, ad un passo dal romantico Castello di Torrechiara, regno della favola d’amore tra Pier Maria Rossi e l’amata Bianca Pellegrini.

Fidenza Village presenta: I favolosi “castelli delle donne”


Fidenza Village propone 3 itinerari turistici insoliti alla scoperta dei “castelli delle donne” tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia dove lasciarsi affascinare dalle storie, dai misteri e dalle leggende delle grandi donne che li hanno abitati.

Gli itinerari si compongono di due giorni: il primo giorno dedicato alla visita del territorio e dei castelli, pernottamento presso uno dei Resort/Hotel partner di Fidenza Village e il giorno successivo è dedicato ad un’esclusiva esperienza di shopping a Fidenza Village.

Al Villaggio, gli ospiti saranno accolti presso lo spazio esclusivo The Apartment, potranno fare shopping a mani libere grazie al servizio di hands-free shopping e con un Vip pass che da diritto al 10% di sconto.

Nel piacentino

Guerre tra Guelfi e Ghibellini, congiure familiari, amori, leggende, misteri: adagiato sulle prime colline parmensi, il Castello di Tabiano è un concentrato millenario di storia. Qui visse Isabella, ricordata per l’infelice amore per il cavaliere francese Riccardo d’Orange: la sua inarrivabile bellezza e la sua bontà le valsero la nomea di “Angelo di Tabiano”.

Un’esperta guida vi svelerà tutti i segreti per poi accompagnarvi al Castello di San Pietro in Cerro, nel Piacentino: il castello quattrocentesco vi sorprenderà, con la sua collezione di 500 antiche armi da fuoco, e la mostra “Cina millenaria”.

A chiusura del tour, vi consigliamo di omaggiare i Pallavicino, fondatori di un piccolo marchesato tra Parma e Piacenza: a Cortemaggiore, all’interno della Basilica di Santa Maria delle Grazie, potrete ammirare il Mausoleo Pallavicino, tra i luoghi del cuore censiti dal FAI – Fondo Ambiente Italiano.

Per la cena vi suggeriamo il ristorante Antico Mulino Pallavicino. Pernottamento con prima colazione presso La Locanda del re guerriero, dimora storica del Castello. Il giorno successivo sarà dedicato a Fidenza Village dove potrete trascorrere un’esclusiva esperienza di shopping.

Nel parmense

Un castello costruito per amore: è la storia di Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini per la quale il Magnifico costruì l’imponente castello di Roccabianca. A pochi passi dall’affascinante castello, un tuffo nello sfarzo di una meraviglia italiana, la Reggia di Colorno, viva testimonianza della ricchezza opulenta dei Duchi di Parma, con oltre 400 sale, corti e cortili e circondata da uno bellissimo giardino alla francese.

Infine, il Labirinto di Franco Maria Ricci, il più grande labirinto di bambù del mondo. Un labirinto ricavato dentro ad una naturale e viva architettura di bambù che parte da una singolare piramide che vi lascerà a bocca aperta! Un’esperta guida vi condurrà alla scoperta di questi sorprendenti luoghi.

Per la cena suggeriamo il ristorante Antica Corte Pallavicina dello chef Spigaroli. Alla fine della giornata potrete trascorrere una notte presso uno dei numerosi relais di charme presenti sul territorio con prima colazione inclusa. Il giorno successivo sarà dedicato a Fidenza Village dove potrete trascorrere un’esclusiva esperienza di shopping.

Nel reggiano


La Grancontessa Matilde è una delle figure più iconiche del Medioevo italiano: donna di fede e di forza straordinaria, giocò un ruolo cruciale nella riconciliazione tra l’imperatore Enrico IV, scomunicato, e Papa Gregorio VII.

Il mito di Matilde di Canossa vive sulle colline reggiane, tra il Castello di Bianello, dove fu incoronata vice Regina d’Italia, e il Castello di Canossa, oggi ridotto a un ammasso di rovine: a questo luogo è legata l’immagine dell’imperatore inginocchiato nella neve, nel rigido inverno del 1077, per ottenere il perdono papale.

Spazi che profumano di storia e che offrono viste incantevoli sulle terre matildiche, fatte di calanchi, boschi e borghi: uno dei più bei paesaggi italiani che visiterete con un’appassionata guida locale.

Per la cena vi suggeriamo il ristorante nel relais Borgo Vercallo. Alla fine della giornata pernotterete presso relais Borgo Vercallo con prima colazione inclusa.
potrete trascorrere una notte presso uno dei numerosi relais di charme presenti sul territorio. Il giorno successivo sarà dedicato a Fidenza Village dove potrete trascorrere un’esclusiva esperienza di shopping.

Per informazioni

Visit Emilia
E-mail: info@visitemilia.com
Sito web: www.visitemilia.com

ALTRI ARTICOLI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

Ultimi Articoli